CIR Rally del Ciocco: è subito Andreucci!

34

Il pilota Peugeot batte Scandola di quasi 27″. Terzo Perico

Il mitico duo formato da Paolo Andreucci e Anna Andreussi torna a brillare. E’ la prima gara del Cir, questo rally del Ciocco. Uno dei rally, se non addirittura IL rally preferito dal sei volte campione del mondo. E così non se lo lascia sfuggire.

23″ dati, lo scorso anno, al vecchio rivale Luca Rossetti; quasi 27″ quest’anno a Scandola. Numeri che parlano da soli: “Ucci” questa gara la conosce davvero ‘a memoria’.

Nella prima giornata di ieri, la coppia di testa ha dominato davvero, vincendo tutte le speciali a disposizione. Oggi ha invece gestito i secondi di vantaggio, vincendo ‘solo’ tre delle speciali in programma (sette).

L’unico vero antagonista del campione di casa Peugeot si è dimostrato Umberto Scandola, che oggi ha vinto ben quattro speciali. Il pilota di casa Skoda si è dimostrato in forma, soprattutto se pensiamo che questa è la sua prima uscita ufficiale con questa macchina. C’è dunque da aspettarsi un miglioramento nel corso delle prossime gare. E forse anche dalla prossima, ossia il rally Millemiglia (Brescia).

Terza piazza per un ottimo Alessandro Perico, che però nella giornata odierna ha spinto di meno, vincendo comunque l’ultima speciale (Superspeciale “Il Ciocco”, da 2,65 km). Il pilota della PA Racing (Peugeot S2000) sembrava poter lottare addirittura per il secondo posto dopo la bellissima prestazione di ieri; ma oggi sembra essersi ‘accontentato’ di un, seppur ottimo, terzo posto staccato di ‘solo’ un minuto da Scandola.

A quasi tre minuti da Perico si è piazzato (quarto) Matteo Gamba (Peugeot 207 S2000).

Eddie Sciessere è il vincitore delle 2RM (due ruote motrici). Il pilota Renault si è piazzato quinto assoluto. Buon sesto tempo assoluto per Simone Campedelli, vincitore dello Junior con la (Citroen DS3 R3T).

Chiudono la Top Ten la Renault Megane RS di Ivan Ferrarotti (settimo e migliore delle vetture Produzione), Andrea Nucita (Citroen C2), Nannini (Abarth Grande Punto S2000) e Gabriele Cogni (Citroen DS3 R3).

[tabs tab1=”Classifica finale” tab2=”Classifica Piloti” tab3=”Costruttori” tab4=”Junior” tab5= “Produzione“]
[tab id=1]1. Andreucci/Andreussi (Peugeot 207 S2000) in 1h55’53″3
2. Scandola/D’Amore (Skoda Fabia S2000) a 26″9
3. Perico/Carrara (Peugeot 207 S2000) a 1’26″5
4. Gamba/Inglesi (Peugeot 207 S2000) a 4’19″4
5. Sciessere/Orian (Renault Clio S1600) a 5’27″0
6. Campedelli/Fappani (Citroen DS3 R3) a 6’31″5
7. Ferrarotti/Fenoli (Renault Megane RS) a 7’51″2
8. Nucita/Princiotto (Citroen C2) a 7’59″1
9. Nannini/Pecchioli (Abarth Grande Punto S2000) a 8’44″0
10. Cogni/Mazzetti (Citroen DS3 R3) a 9’20″9[/tab]
[tab id=2]1. Andreucci 25 punti
2. Scandola 18
3. Perico 15
4. Gamba 12
5. Sciessere 10
6. Campedelli 8
7. Ferrarotti 6
8. Nucita 4
9. Cogni 2
10. Carella 1[/tab]
[tab id=3]1. Peugeot 25 punti
2. Skoda 18
3. Citroen 12
4. Renault 10
5. Abarth 2[/tab]
[tab id=4]1. Nucita 61 punti
2. Carella 42
3. Campedelli 37.5
4. Andolfi 35
5. Cunial 28
6. Cogni 24
7. Pajunen 22
8. Arici 16
9. Bosca 10
10. Brunello 6[/tab]
[tab id=5]1. Ferrarotti 25 punti[/tab]
[/tabs]

Franz

Author

Franz

Fondatore e amministratore di Periodic. Scrivo di rally, tecnologia, cronaca ed economia.

Up Next

Related Posts